CHERNOBYL: L’INCIDENTE E POI…

10 COSE DA SAPERE SUL NUOVO SARCOFAGO DI CHERNOBYL

Traduzione di Progetto Humus da CHORNOBYL.IN.UA per concessione esclusiva di Sergey Paskhevic.
Uso consentito previa autorizzazione

Entro l’anno 2017 (in precedenza la data prevista era il 2016, poi prorogata a seguito della crisi politica in Ucraina) è previsto il completamento dell’Arco che coprirà l’attuale sarcofago (costruito dopo l’incidente del 1986) sopra il rettore n.4 distrutto della centrale nucleare di Chernobyl.
Una volta terminato, l’intero colosso d’acciaio  verrà fatto scorrere, attraverso un sistema a binari, sul sarcofago sottostante.
L’Arco (Nuovo Confinamento Sicuro – NSC) è una struttura unica, non solo perché è stato creato in condizioni di radioattività sfavorevoli, ma perché dotato di tecnologie, attrezzature e sistemi non ancora utilizzati in altri impianti.

Qui di seguito sono elencati 10 punti che dimostrano l’unicità delle strutture del “sito industriale della Centrale Nucleare di  Chernobyl”:

1. L’arco è progettato per una durata pari a 100 anni.

2. L’arco è alto circa 110 metri, lungo 165 e largo 260 metri (secondo fonti della Banca Europea per la Ricostruzione e Sviluppo)

3. La costruzione delle strutture che compongono la volta dell’Arco è costituita da collegamenti a vite che uniscono i vari segmenti. In totale saranno utilizzati circa 500.000 bulloni.

4. L’altezza della volta dell’Arco di protezione del NSC è paragonabile a quella della Statua della Libertà negli Stati Uniti.

5. La quantità di metallo che è stato utilizzato per la costruzione dell’Arco è quasi tre volte superiore a quella impiegata per la realizzazione della Tour Eiffel a Parigi.

Il peso della struttura in metallo e dei vari rivestimenti dell’Arco sarà di circa 25 mila tonnellate.
Ciò corrisponde approssimativamente al peso degli impianti radar localizzati nella vicina località segreta di Chernobyl-2.

La figura seguente mostra un diagramma comparativo delle antenne di Chernobyl-2 con la dimensione della volta dell’Arco nella zona industriale della Centrale nucleare di Chernobyl. Il peso delle attrezzature che costituiranno la parte delle fondamenta del Nuovo Sarcofago è di circa 31 tonnellate (Clicca sull’immagine per ingrandirla).

6. L’Arco sarà dotato di un unico sistema principale di gru (MCS). Le macchine saranno apposte sulla  volta. La lunghezza del carroponte sarà di circa 96 metri, la capacità di sollevamento di 50 tonnellate.

Le dimensioni delle gru in confronto ad un Boeing 777, nell’immagine sotto.

7. L’Arco è stato costruito a notevole distanza dal sarcofago in quanto le radiazioni, ancora trapelanti dal reattore distrutto, rendevano pericolose le attività degli addetti ai lavori. Dopo la costruzione, l’Arco  verrà fatto scorrere sopra l’attuale sarcofago attraverso delle guide speciali. L’intera struttura con un peso stimato di 31 mila tonnellate percorrerà una distanza di 250 metri.

8. La superficie totale del tetto dell’Arco superiore è di 86.000 metri quadrati; pari a 12 campi da calcio.

9. Il sistema di gru sarà dotato di una specifica piattaforma progettata per lo smontaggio dell’attuale sarcofago (smantellamento delle strutture instabili) e dotata a suo volta di uno speciale manipolatore.

10. Sul lato ovest dell’Arco verrà realizzato un edificio speciale per l’accesso del personale e per il trattamento di materiali ad alta contaminazione radioattiva (edificio tecnologico).

Ed infine, una precisazione.
Il costo totale dell’Arco, come da rapporto della BERS (Banca Europea per la Ricostruzione e Sviluppo), è pari a 1.5 miliardi di Euro (1.9 miliardi di dollari). La sua costruzione è una delle tappe del progetto Shelter (NSC), il cui costo stimato totale è pari a 2.15 miliardi di Euro. Il grafico seguente mostra il valore del progetto dal 1997 al 2014. Durante questo periodo, il costo previsto dei progetti è aumentato di 3.5 volte (fonte: Camera dei Conti Ucraina, 2015).

Per chiarezza; il valore di tutti i progetti “NSC” si avvicina all’importo speso dalla NASA (2.5 miliardi di dollari) per la missione “Mars Science Laboratory”, nell’ambito della quale è stato inviato su Marte con successo il rover  “Curiosity”.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VISITA CHORNOBYL.IN.UA
Traduzione di Progetto Humus da CHORNOBYL.IN.UA per concessione esclusiva di Sergey Paskhevic. Uso consentito previa autorizzazione del detentore del copyright.

:. INDICE – CHERNOBYL L’INCIDENTE E POI…